Letture psicologiche

Sulla scia del mio desiderio di capire i sogni, di cercare il nesso tra l’inconscio e il conscio, di capirmi un po’ meglio, di accettarmi, di far vivere anche i lati più oscuri e negativi della mia personalità, ho iniziato una nuova lettura:

Jung

E vi dirò che già un po’ di luce si sta gettando su alcuni miei sogni, e sulla mia vita in generale.
L’inconscio è troppo spesso tralasciato, nella vita di tutti i giorni… ma davvero pensiamo di essere quello che siamo? Davvero pensiamo di essere padroni delle nostre reazioni, dei nostri pensieri e dei nostri desideri?

“Una parte dell’inconscio è composta da una moltitudine di pensieri, impressioni e immagini, temporaneamente oscurati, che, lungi dall’esser venuti meno completamente in noi, continuano a influenzare la nostra mente conscia”

Un tuffo nell’inconscio e nel… “mistero”!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Letture psicologiche

  1. ylenia ha detto:

    eh eh, ero rimasta indietro di un paio di post…
    mi hai fatto pensare all’approccio degli yogi a certe cose. l’idea che tutto ci influenza e che, se vogliamo essere il più possibile puri, dobbiamo evitare il contatto con certe realtà mi ha spesso indignata. però è vero che spesso siamo “vittime” di immagini e parole che ci hanno solo sfiorato la razionalità ma hanno lasciato grandi segni nell’inconscio. un giorno diventeremo brave a non farci fagocitare da ciò che incontriamo, e a conoscere meglio il nostro profondo.

  2. auradiluna ha detto:

    Secondo me è vero che se non si è abbastanza forti e corazzati, certi ambienti diciamo negativi ci possono influenzare profondamente, magari facendoci perdere di vista le cose importanti… Dipende poi cosa si intende per ambienti negativi. Anche a me la discriminazione non piace, etichettare le persone in positive o negative… è vero però che in passato proprio questo mio atteggiamento “aperto” mi ha avvicinata anche a persone che non c’entravano nulla con me.
    Forse ero io che non mi conoscevo ancora bene…
    Ma anche oggi non mi conosco ancora, ad esempio certe giornate no, certi malumori, certi desideri non so bene da dove arrivino! Insomma: è un casino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...