Lo yoga interiore

Le lezioni di yoga stanno volgendo al termine; tra un mese i corsi saranno conclusi.
Queste ultime lezioni mi sembrano ancora più ricche, forse proprio perché so che avranno presto una fine. Perciò mi sto gustando i momenti in cui ho la possibilità di praticare con l’insegnante.
Ieri sera non avevo un’idea precisa di che cosa stessimo facendo. Sequenze strane, movimenti fluidi che sembravano quasi una danza.

Ma proprio per questa stranezza mi son detta che dovevo abbandonarmi alla cosa, seguire il mio respiro, sentire, e basta.
Inutile cercare di starle dietro 🙂
E così, avvolta dalla luce soffusa della lampada e da quella del tramonto, nel silenzio dei canti tibetani, ho intuìto quanto lo yoga sia dentro di noi. Quanto dipenda dal sentire, dall’accorgersi di se stessi, della propria interiorità, dell’energia, del respiro.
Ad occhi chiusi, ancora meglio.
Un percorso all’interno, un viaggio nel quale si può essere indirizzati, ma non portati per mano. Sta a noi proseguire il cammino.
Sono convinta che l’insegnante giochi un ruolo fondamentale e che con la sua energia influenzi la sessione, ma mi sono chiesta se ad un certo punto lei fosse sparita, se fossi rimasta con me stessa come lo ero in quel momento, avrei potuto dire che lo yoga è dentro di me. E che in teoria se al posto della maestra ci fosse stata qualche altra “entità”, come la vita quotidiana, avrei continuato lo yoga interiore comunque.
E’ stato un flash quel pensiero, ma ho capito che dirigere l’energia “verso l’interno e verso l’alto”, serve per vivere quotidianamente nello yoga interiore.
Una mia amica di cui parlavo recentemente, sta molto male in questo momento, e mi diceva “non so più chi sono”. In effetti, nemmeno io so chi sono. Non sono quella che parla, che cammina, che prova delle emozioni, che si arrabbia con la piccola, nemmeno quella che è felice, o che prova soddisfazione o che agisce e nemmeno che pensa. Sento che questi aspetti non mi appartengono. Solo in alcuni momenti di interiorizzazione, ho la sensazione di aver trovato cosa sono.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Lo yoga interiore

  1. ylenia ha detto:

    anche a me succede di provare esattamente questa sensazione. molte volte penso che ho ancora molta strada da fare per togliermi di dosso tutti i condizionamenti che mi hanno appioppato e le difese che ho dovuto/voluto costruirmi. arriverà, arriverà il momento in cui mi sentirò davvero libera e “nello yoga” in ogni momento. leggere le tue riflessioni è sempre un motivo di crescita, per me. ti abbraccio!

    • auradiluna ha detto:

      Grazie Ylenia, posso dire la stessa cosa delle riflessioni che leggo sul tuo blog.
      Sicuramente la strada da fare è molta, ma non è bellissimo essere su una strada come questa? 🙂 Un abbraccio

  2. tiptoetoyourroom ha detto:

    Wow… questo yoga lo devo proprio provare! Lo dico sempre e non mi decido mai! Certo, per quest’anno mi sa che è andata, però potrei iniziare col leggere qualcosa, che dici? O è meglio buttarcisi e basta, senza aspettative magari create dalle letture? Si attendono suggerimenti…
    Ciao!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...