Yoga, ultimo incontro

CIMG2877

Ultima lezione di yoga, ieri sera.
Mai come quest’anno il corso mi è sembrato così necessario per ritagliarmi uno spazio e un tempo di pace e di respiro.
Le incombenze delle vita quotidiana a volte mi hanno travolta, ma sempre però sono riuscita poi a trovare un equilibrio, alla fine, e questo anche grazie allo yoga e a questo tipo di yoga in particolare, proposto dalla mia attuale insegnante, che segue il metodo del Dottor Bhole, che ho imparato ad apprezzare pian piano.
Yoga e respirazione, yoga esperienziale inteso come esperienza di sé e di ciò che avviene nel corpo, delle aree dove scorre poca energia, di come riattivarle e smuovere i blocchi. Contatto con se stessi. Eseguire i movimenti come kriya e non come karma, sentire da dove parte il movimento, se dalla mano, dal braccio, dalla scapola, o ancora da più dentro, da come l’energia la si disperde nel primo caso e non nell’ultimo. Un percorso per chi ha voglia di ascoltarsi e di sentire il proprio corpo, anche di parlargli, a volte.
E’ uno yoga “sottile”, non vi sono grandiose asana né canti a squarciagola, ma tanta, tanta respirazione (pranayama ma soprattutto la respirazione nelle aree del corpo e la propriocezione).
Ecco un un breve profilo del Dr Bhole.

Dicevo, ultima lezione, ieri sera, una serata fresca nella sala di yoga, dopo una giornata afosa; mi sembrava di essere in vacanza (eppure i tempi della scuola sono finiti da un bel po’). Mi sono immersa nelle sue parole, nel concetto fondamentale di apertura degli yoga sutra, il primo sutra se non erro: Yoga Chitta Vritti Nirodha, “lo yoga è la neutralizzazione dei vortici del pensiero” (le traduzioni sono molteplici).
L’insegnante ci propone spesso delle frasi o dei concetti tratti da qualche scrittura, a me piace molto ma non so se i partecipanti che sono a digiuno di filosofia dello yoga colgano davvero di cosa si sta parlando. Certo è che se uno fosse interessato potrebbe chiedere, approfondire, quindi a me sembra la cosa ottimale, avere un sacco di spunti da approfondire, sul buddhismo ad esempio, di cui so poco, su tante cose di cui lei sembra essere un pozzo senza fine.

E ieri sera mi sentivo immersa in un’altra dimensione.
Come se fossimo partiti tutti insieme per un viaggio, ognuno dentro di sé. E mi son chiesta: come si potrebbe, poi, non sentirsi diversi?
Dopo essersi conosciuti meglio (interiormente intendo, non tra partecipanti, ovviamente), come si potrebbe restare indifferenti alla cosa?
Io mi sento decisamente diversa dall’epoca in cui ho intrapreso questo sentiero (dello yoga in generale), a piccoli passi mi sono mossa in una certa direzione. Esteriormente non so se si possa vedere o capire, è un percorso interiore e il resto viene da sé.
Ieri ho sentito di aver lasciato la presa, non solo come tensioni: ho mollato una presa mentale del “dover fare” per aprire la porta al flusso della vita e di quella mano invisibile che a volte sento che mi sospinge.
Era una sensazione bellissima, che non mi ha abbandonato nemmeno oggi.

La strada verso la cascina delle lezioni di yoga

La strada verso la cascina delle lezioni di yoga

CIMG2876

verso la cascina dello yoga

attorno alla cascina dello yoga

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a Yoga, ultimo incontro

  1. tiptoetoyourroom ha detto:

    Ecco, anch’io sogno di liberarmi dalla costrizione del “dover fare”, ma l’idea di ascoltare così tanto e da vicino e da dentro il mio corpo, mi fa paura: io lo ascolto già troppo e spesso è proprio questo che mi frega, che mi provoca l’ansia! Aiuto!!
    Ma che belle devono essere le lezioni in cascina… 🙂

    • auradiluna ha detto:

      ..sì si sentono anche i muggiti!!!
      ..ma in che senso ti provoca ansia ascoltare il corpo?

      • tiptoetoyourroom ha detto:

        Nel senso che io do ascolto a qualunque piccolo, piccolissimo, impercettibile mutamento (soprattutto nei “segnali” che danno lo stomaco, la pancia, la testa…) e temo sempre che stia per succedere qualcosa, tipo un malore! Non ho paura di avere o contrarre strane malattie; la mia è più paura di stare male! E soprattutto di stare male quando sono fuori casa o a casa da sola. ):

      • auradiluna ha detto:

        oh, no..! mi spiace che sia così!! ma è positivo che tu ascolti il tuo corpo, poi sai.. capisco che se ti è capitato sul serio di stare male allora hai la “fobia”… ma altrimenti, sono segnali che ti aiutano a stare meglio, no? intendo banalmente: mal di stomaco, quindi cercare di mangiare più correttamente oppure di capire quale evento ti ha messo l’ansia che ti fa venire mal di stomaco… Una pratica yoga diciamo che aiuta a “illuminare” delle zone del corpo che magari sono tese o altro, quindi alla fine c’è un beneficio..

      • tiptoetoyourroom ha detto:

        Devo provare, lo so, per cercare di venirne fuori, te lo scrivo sempre. A settembre – giuro – mi prendo un incarico a scuola meno impegnativo e mi dedico allo yoga e quindi a me stessa.

      • auradiluna ha detto:

        🙂 Sì ma non devi mica render conto a me, e magari ti serve una vacanza dalla scuola per prima cosa! Anche un perido di stacco da tutto e tutti funziona bene a volte 😉 Un abbracciooo

        Inviato da iPhone

  2. melissa ha detto:

    Wow !!! Che bella location per fare yoga e come ben sai l’ambiente aiuta lo spirito.

  3. Chandana ha detto:

    Che bellissimo posto! Non vado a yoga da circa un mese e mi manca moltissimo… Per fortuna domenica mi rifarò ad una giornata dedicata al benessere, meglio di niente 🙂
    È interessante questo tipo di yoga, mi affascina.
    Mollare la presa, lasciarsi andare al flusso… che è diverso dal dirlo “intellettualmente”, tu lo stai sperimentando ed è meraviglioso. Un abbraccio cara amica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...