Girovagando per Milano e per la mostra di Van Gogh

Venerdì pomeriggio io e mio marito siamo stati alla mostra “L’uomo e la terra” a Palazzo Reale, dedicata a Van Gogh.

Intanto, avendo un certo margine di tempo tra l’uscita dal lavoro e l’arrivo di mio marito, ho felicemente gironzolato per il centro di Milano, cercando di evitare le vie dello shopping, perché proprio non ce la potevo fare ad infilarmi in negozi con 40° di temperatura. Così, una volta attraversata piazza Duomo e la galleria, ho  preferito perdermi – quasi letteramente – nelle vie in zona della Scala, palazzo Marino, via Hoepli, per poi riattraversare di sfuggita la via dello shopping e sbucare in piazza Fontana.
Devo dire che mi sento proprio ignorante su Milano, avrei voglia di una bella visita guidata, anche perché, una volta evitato l’affollamento del centro, il resto è un gran deserto (di pedoni, per lo meno).
Una casa che ha attirato la mia attenzione è la casa degli Omenoni, dell’artista scultore Leoni (1542):Omenoni

Questo per dire che il mio desiderio di nuovo e di visitare posti mai visti (né considerati, nel caso), si spinge perfino a Milano 🙂

Tornando a noi, la mostra su Van Gogh mi è piaciuta tantissimo. Avevo già visto suoi dipinti al Museè d’Orsay di Parigi (mentre, sfortunatamente, l’unica volta che sono stata ad Amsterdam, il museo di van Gogh era chiuso per restauro!!), ma mi sono stupita di me stessa quando ho capito quasi di prediligere i quadri del primo periodo, più bui, “terrosi”, cupi, rispetto a quelli più luminosi del periodo francese.
cont Contadini  van_gogh_pastore casa_
Sarà che ultimamente mi sto dedicando al mio “album di famiglia”, sto ricercando  le foto più antiche sui miei antenati, che erano contadini, e in uno scenario agricolo della seconda metà del 1800 che già avevo in mente negli ultimi giorni, ben si innestavano questi quadri di Van Gogh che descrivevano lo stesso periodo storico delle campagne olandesi.
I cieli così luminosi, accostati a soggetti cupi e quasi in silouette, mi hanno davvero risvegliato qualcosa.

Certamente stupendi i lavori del periodo francese (non voglio dire altre banalità), ma alla fine la mostra mi ha lasciato una certa amarezza, pensando a quella vita desiderosa di gloria, di riconoscimenti mai arrivati, fatta di insuccessi, di quadri non venduti, di malattia, di ospedale psichiatrico, di suicidio. E’ forse anche questo che attira di lui.

paesaggio-con-covoni-di-grano-e-luna-crescente

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Girovagando per Milano e per la mostra di Van Gogh

  1. tiptoetoyourroom ha detto:

    Bella mostra, l’avevo puntata anch’io, ma sto con un pigrone… che mi ha fatto perdere Segantini, la mostra di quest’anno che mi interessava di più! Che nervi!!

  2. Catia ha detto:

    Ciao
    E se ci facessimo una bella passeggiata milanese noi due ( o anche con chi si vuole aggregare!)?
    Sono incasinatissima fino a metà marzo ma poi spero di respirare un po’.
    Ci incontriamo un venerdì pomeriggio quando esci dal lavoro!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...