Stiamo crescendo

Nell’ultimo mese sono stati tanti i momenti in cui ho guardato la mia piccola e mi sono detta: “Sta proprio crescendo!”

Primo tra tutti, un grande traguardo che abbiamo più o meno raggiunto: liberarsi del pannolino!
Ammetto che il pensiero di affrontare questo passaggio mi atterriva, e, sebbene mia figlia mi sembrasse già “grande” per portarlo, mi ero proposta di toglierglielo a primavera inoltrata… se non che ha iniziato a causarle davvero un fastidio insopportabile, per cui ho proprio capito che i tempi erano ampiamente maturi e che, anzi, era una necessità liberarsene, per cui… via!

E lei, che quando le avevo proposto: “Proviamo a togliere il pannolino?” mi aveva risposto: “Proviamo a rimetterlo!”, è invece la bambina più entusiasta del mondo. Il primo giorno, ha saltato e riso tutto il tempo. Si vedeva che si sentiva grande. Che gioia vederla così!!! A saperlo, ci avrei provato anche prima!

Ora sta tentando anche di mangiare senza bavaglia (ma di togliersi il ciuccio neanche a pagarla!!!!!!).

Negli ultimi giorni, il suo gioco preferito, che è diventato imprescindibile in ogni mattinata e pomeriggio e sera, è fare i puzzle ( i “paso” come li chiama lei). E in pochissimo tempo ha imparato a farli da sola, anche con pezzi più piccoli e più numerosi. Ora è la sua passione.

E i rudimenti di lingue straniere, l’ingrese, ascoltato nelle canzoncine tipo “Twinkle twinkle little star” ma anche in musica elettronica anni ’70 che ascolta mio marito e che ora è diventata la preferita della piccola!!!
E lo spagnolo sempre canzonesco di “Veo veo” e di Enrique Iglesias, che mi stava uscendo dai timpani da quanto ha voluto ascoltarlo!

Gli ultimi disegni…. oltre alla faccia con gli occhi, sono comparse anche braccia, gambe e CIABATTE del papà…

DSC_0356

…e le prime prove con le tempere, che non le sono piaciute molto dato che le ho detto che non si poteva colorare usando le mani ma solo il pennello…

DSC_0357

I ritagli con le forbicine, che poi ha incollato su fogli colorati e così abbiamo realizzato un libretto casalingo (con il volantino del supermercato)…

DSC_0353

…la prima volta ai carri di carnevale (l’anno scorso li avevamo saltati per concederci una gita al mare)… ecco i preparativi di “Laa Laa”….

DSC_0379

Quanto la adoro!!!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Stiamo crescendo

  1. Emanuela ha detto:

    il crescere dei bambini è gioia, è meraviglia, è l’entusiasmo che mettono in ogni cosa, è il regalo che ci fanno di permetterci di guardare il mondo con i loro occhi.
    Anche Unai è finalmente quasi completamente spannolinato ed anche lui, che è estremamente autonomo, non ne vuol sentir parlare di togliersi il ciuccio!!!!
    Mio figlio mi dice che io sono la dimostrazione vivente del fatto che, quando si diventa nonni…….si rincoglionisce: ma non sai la felicità che provo quando mi butta i bacini al telefono e mi racconta quello che fa!
    Ora siamo alla ” ricerca” del nome per la creatura che sta arrivando…….chissà perchè sto pensando solo a nomi femminili!!!
    un abbraccio alla piccola donna. Emanuela

    • auradiluna ha detto:

      Ciao Emanuela, mi consoli con il discorso “ciuccio”… non c’è proprio verso di fargliene fare a meno… spero che alla materna se ne libererà!
      Sull’essere nonni, dev’essere vero che i nipoti sciolgono anche gli animi più duri nei nonni, ma dev’essere una grande grande gioia, come tu stessa mi confermi! Sono ansiosa di conoscere il nome della futura nipotina (femmina!) 😀
      Un saluto!!!!

      • Emanuela ha detto:

        allora….se penso ad una nipotina ho l’immagine del calore, della scintilla di vita, dell’energia. A me piacciono moltissimo Fiamma e Scilla.
        Giulia, che ha avuto la premonizione della nascita, prima ancora di essere incinta, ha visualizzato un nome da bimba. Anche qua, come per Unai, un nome basco: Ainara, che significa ” rondine”.
        ….come dice lei…. il nome arriva da solo……
        ed io intanto ho riscoperto, per Unai e per l’anima in viaggio, il piacere di lavorare a maglia….
        un abbraccio Emanuela
        ps…..come mi diceva sempre il vecchio medico condotto del paesino marchigiano dove sono nata, meraviglioso pediatra, quando mi lamentavo del fatto che Giulia, a tre anni, aveva ancora il ciuccio ….” Quando avrà il fidanzato vedrai che lo butterà via!”. Tranquilla, ogni cosa a suo tempo ed un tempo per ogni cosa . Ed un tempo per ogni bimbo…..Per noi l’unico problema è stato il costo dell’apparecchio ai denti….ma Giulia ha il sorriso più bello del mondo!

      • auradiluna ha detto:

        Eh no, non mi terrorizzare con l’apparecchio ai denti :DDDDDD
        Sai che anche mio suocero, “il nonno” dice che quando andrà alle superiori di certo non avrà più il ciuccio! 🙂
        Ma che belli questi nomi baschi!! Ainara! Ero stata nei Paesi baschi e ci tornerei subito per visitarli meglio!
        Un abbraccio cara Emanuela!!

  2. tiptoetoyourroom ha detto:

    “Proviamo a rimetterlo!”: tua figlia è un genio 😉
    Le stai facendo fare un sacco di cose belle e preziose, come i puzzle, disegnare, usare le tempere… sono tutte esperienze che formeranno il suo senso estetico e non è cosa da poco.
    Un abbraccio… a te ma anche alla piccola 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...