Dire qualche sì

Stirare è un’attività che mi crea sempre un problema di tempo.
Ma fortunatamente, già da un po’ stirare per me non è più la solita attività di rendere i vestiti lisci e senza pieghe, bensì significa guardarmi qualche video sullo yoga mentre le braccia sono impegnate con il ferro.
E l’audience che principalmente creo riguarda i servizi domenicali di Ananda. Mi mettono sempre una grande pace e soprattutto mi servono per rimettermi “sul punto” con lo yoga. Da tempo perso, ecco che ho trovato un tempo fruttuoso. Domenica ne ho guardati un paio (…i panni accumulati erano molti!!), e mi hanno regalato una grande serenità, la consapevolezza che basta poco per stare bene e per ritrovare quel punto di luce che a volte durante la giornata mi sfugge.
In particolare, il discorso di Sahaja mi è piaciuto moltissimo, il titolo era “Azioni contro intenzioni” ed è stato interessante anche perché alla fine ha lanciato alcune sfide:

1. Provare a vedere il bello negli altri. Significa cercare di non identificare gli altri con la loro personalità. Piuttosto, considerarli rispetto alle loro intenzioni e alla sincerità con cui desidera la Verità. Ricordare che vedere il lato oscuro degli altri significa vederlo in noi stessi, e non riuscire a scorgere la nostra stessa luce.

2. Dire sì alla vita. Questa è stata la sfida che più mi ha invogliato. Dire sì alla vita significa accettare con gioia ciò che la vita ci propone, anche le cose negative. Mi sono accorta che io dico sempre NO! Soprattutto alle situazioni che non ho voglia di affrontare. Piove? “Oh, no!”. C’è un problema di lavoro? “Oh, no, che grana!”. Scopro una difficoltà da superare? Di solito parto con un bel “no” preventivo. E se invece provassi a partire con un SI’? Tanto, tirarsi indietro non si può, e comunque non servirebbe. Quindi, partire con un bel sì, accettare la sfida! Magari cambierebbe le sorti di un’intera giornata! Sahaja ricorda che quando si vincono le nostre resistenze (del tipo “non lo so fare”, “non posso”, “sono stanco”), si apre un enorme serbatoio di energia. “Tu di’ di sì. Al come, penserai dopo”.

3. Coltivare la connessione con il potere che guida le nostre buone intenzioni. Come? Con la meditazione, l’introspezione, la fiducia.

Ho già iniziato a dire qualche sì! e vi dirò: serve moltissimo! Mi è sembrato tutto più semplice!

😀
DSC_0076Lungo la strada verso lo yoga, ieri sera.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Dire qualche sì

  1. melissa ha detto:

    Anch’io faccio così: Stiro e guardo i video, sahaja e’ la mia preferita perché i suoi messaggi mi arrivano dritti al cuore. Deve essere bello fare un corso con lei!! Ciao!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...