Esperienze altoatesine

 

DSCN2952

Gli scenari che abbiamo potuto ammirare durante le vacanze estive mi accompagneranno per lungo tempo nella memoria. Non sono una montanara per natura, non amo faticare per sentieri impervi, ma non posso non sorprendermi di fronte alla bellezza dei paesaggi mozzafiato che mi si sono parati davanti (e le ultime foto che pubblico in questo post sono state scattate da mio marito “in solitaria” da quote piuttosto alte).

Intanto, il mio obiettivo era: staccare la spina alla mente!
E non c’è di meglio che natura, natura e ancora natura per aiutare in questo intento. Umes, la frazione di Fiè allo Scilliar in cui abbiamo deciso di alloggiare, era meravigliosa da questo punto di vista: il nostro gasthof, una chiesetta minimal, tre case e quattro cascine con tanto di mucche.

La notte di San Lorenzo si sono viste le stelle cadenti più luminose! Pensate che la frazione non ha nemmeno le strade illuminate, salvo la via principale.
E la posizione ci regalava tramonti su tramonti…

La vicinissima Alpe di Siusi ci ha poi aperto un mondo di prati verdi circondati dalle Alpi dove lo sguardo poteva perdersi, e rilassarsi. Un massaggio agli occhi in pratica!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ci siamo avventurati anche al castello di Presule e nei piccoli borghi della zona fino ad arrivare a Bolzano e Vipiteno

Un luogo che ci ha lasciati stupefatti è stato il Lago di Carezza, con i suoi vividi colori che perfino la piccola si è impegnata a fotografare!

DSCN2901

DSCN2903

E, come dicevo, abbiamo lasciato al papà i paesaggi più ardui da raggiungere… ma che spettacolo!
DSCN3159
DSCN3165
I giorni sono passati serenamente e accompagnati da lunghe camminate, e con noi si spostavano anche elfi, streghe, gnomi, folletti, fatine, ondine che “sbucavano” dai boschi, dai laghi e dai corsi d’acqua, che lasciavano tracce, che perdevano cappelli e bacchette magiche che per fortuna noi trovavamo lungo i sentieri!
La piccola era affascinata da tutti questi racconti del mistero, dai fantasmi dei castelli, dalle streghe nei pentoloni a bollire, dalle persone rimaste pietrificate perché avevano guardato negli occhi un fantasma! E l’Alpe di Siusi in questo ci ha aiutati, proponendo percorsi per bambini basati sulle streghe, con casa delle streghe su cui salire, i troni, i triskelion qua e là sugli alberi…DSC_0128
La cosa particolare, oltre ai cieli stellati, ai tramonti, ai paesaggi, a tutto il resto, erano i pensieri.
In alto, concentrati sul camminare, possibilmente con la piccola che dormiva nello zaino (con buona pace della schiena del suo papà), nel silenzio rotto solo dai grilli, con un panorama a tratti erboso, a tratti lunare, i pensieri rarefatti erano come dire… più elevati, più semplici, di dialogo interiore. Anzi, confesso che a tratti mi sembrava di dialogare con qualcuno… Dio, io, mio papà, mio zio? Non so.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Pensieri e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...