Buon lunedì

Pubblicato in Pensieri | Lascia un commento

Candelo e Oropa

Ricetto – Candelo

Nelle vacanze natalizie ci siamo goduti la casa (che è un modo carino per dire che non abbiamo fatto niente di entusiasmante :)) ) e qualche piccola gita, come questa nel biellese.
Avevo visto su internet commenti positivi su questo piccolo borgo medievale in provincia di Biella, Candelo, anzi il ricetto di Candelo, e così non ho resistito e un giorno abbiamo organizzato il tour candelo e Santuario di Oropa (che è a una mezz’ora di auto da lì).

Complice il fatto che anche la famiglia di un’amichetta della nostra piccola sarebbe venuta con noi, siamo “partiti” per questa “grande gita” 🙂 (un’ora secca da Milano!).

Il ricetto è davvero incantevole!

Dicevo, appunto, che la gita comprendeva anche una visita al Santuario di Oropa, che mi evocava lontanissimi ricordi di infanzia… L’ho trovato davvero maestoso, imponente! Peccato che fosse in ristrutturazione e quindi non visitabile, se non nella parte della chiesa antica con la Madonna Nera.

Ho scoperto però che da lì parte una funivia per andare in montagna ed in particolare ad un laghetto che vorrei vedere, il lago del Mucrone (per cui ci tornerò!!)

Per noi è stata una giornata bellissima e un vero toccasana!!!

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , | 2 commenti

L’alba di oggi

Pubblicato in Pensieri | Lascia un commento

Natalia Goncharova a Firenze

Ho avuto la fortuna di andare a Firenze per un paio di giorni e di visitare una mostra che mi è davvero piaciuta, quella dedicata a Natalia Goncharova.
Si tratta di una pittrice russa che aveva aderito al futurismo, influenzata dal cubismo e dal raggismo ideato dal suo compagno Larionov.

I quadri che più mi hanno colpito, però, sono quelli che ripropongono le iconografie sacre russe, rivisitate in una chiave meno aurea e più “umana”… e per questo più volte è stata anche bandita dalle mostre, con l’accusa di raffigurare dei buffoni e non i personaggi evangelici…

..e anche le scene di vita quotidiana in stile russo mi sono piaciute tantissimo!

Mi ha affascinato molto questo mondo di cui conosco molto poco, quello dell’arte russa… il clima sembrava molto austero però sprizzavano mille colori dalle tonalità molto forti! Vorrei chiudere con questa fotografia “d’altri tempi” russa… bellissima. La pittrice è la prima a sinistra:

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato | 2 commenti

Preludio al catechismo

Sabato mattina “abbiamo” iniziato il catechismo. Nel senso: c’era l’incontro con genitori e bambini, durante il quale i bambini hanno fatto una caccia al tesoro e a noi adulti veniva spiegato cos’è il catechismo e vi erano le testimonianze di alcuni papà di quanto fosse stato importante nella loro vita l’incontro con Gesù.

Ora: a me è pesato tantissimo uscire al sabato mattina (non vado mai neanche al mercato), ho la casa sottosopra, ed è il primo dei 2 giorni del week-end in cui me la posso prendere con calma. La piccola non voleva uscire nemmeno lei e mi sono dovuta anche arrabbiare per non arrivare in ritardo.

Eppure qualcosa mi ha lasciato questo incontro, e sono sincera, la cosa che più mi ha colpito è stato un avvenimento della vita del Don, dato che anche lui raccontava il suo incontro con Gesù.
Da piccolo aveva la nonna che era molto malata, di un male incurabile e all’epoca non era nemmeno possibile alleviare più di tanto il dolore.
Durante la malattia e negli ultimi momenti della sua sofferenza, ha espresso più volte il desiderio a Gesù che le sue pene venissero offerte a lui affinché uno dei suoi nipoti diventasse prete.
Ora, credo che solo a me abbia colpito l’immagine di questa donnina di una certa età e appartenuta a un’epoca ormai lontana per noi (ma non troppo, il parroco avrà 10 anni più di me), di questa donna che in preda a dolori fisici e consapevole della fine della sua vita, decide di offrire a Dio la sua sofferenza perché qualcuno della sua discendenza possa portare avanti cioè che evidentemente per lei era più importante, cioè divulgare la parola di Dio.
E’ una figura così lontana dalla nostra quotidianità da sembrare antiquata e fuori moda, una donna d’altri tempi, come quelle che piacciono a me.
Mi ricorda la nonna di una mia amica che da piccole ci intimava ogni mattina di “recitare le orazioni” davanti alla statua della Madonna di Lourdes e che cantava tutto il giorno canzoni di chiesa.
Persone che hanno visto da vicino la guerra, che hanno dovuto lottare, pregare per i propri cari. E che anche in fin di vita dedicano ai discendenti l’ultimo pensiero, che è un pensiero altruista, volere che un nipote vada per il mondo (o per i paesi limitrofi) a portare la parola che a lei ha dato tanto sostegno nella vita.
E mi ha colpito anche il don, che ha raccontato la sua personale vicenda a noi genitori. Pensate che tutti lo stessero ascoltando, o che tanti stessero parlando tra di loro?
Idem quando parlava la suora indiana. Non si sentiva nulla, avendo poi lei una voce flebile.
Alla fine, anche la mia bambina era contenta della caccia al tesoro, delle canzoni, delle amiche che c’erano.
Speriamo che il preludio sia di buon auspicio per questo percorso… su altro non mi esprimo per ora!

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , | 1 commento

Il Museo Egizio e quattro passi per Torino

Quest’anno come regalo per il mio compleanno io e mio marito siamo andati a Torino, un po’ a zonzo per la città ma soprattutto a visitare per la prima volta il Museo Egizio.

Ma che meraviglia!! Sono rimasta davvero sorpresa intanto dalla quantità di reperti presenti al museo, e poi… beh, fa sempre un certo effetto trovarsi facci a faccia con un pezzo di storia, e quella degli antichi egizi è davvero affascinante!
Abbiamo aderito a una delle visite guidate programmate dal museo, per fortuna, perché ci è piaciuto molto avere una guida esperta che ci accompagnava e ci raccontava i principali cambiamenti storici e ci illuminava sul cosa stavamo guardando!
Quindi ecco la mia carrellata egizia….

Questa presentazione richiede JavaScript.

Gli immancabili sarcofagi… in fotografia non si capisce la loro reale imponenza…

Questa presentazione richiede JavaScript.

Meravigliosi gli oggetti di vita quotidiana… nonché i cibi! pane, minestre… poi abiti, parrucche, perfino mutande!

Questa presentazione richiede JavaScript.

e poi le grandi statue!

Dopo 2 ore di visita guidata ed essendo ora di pranzo, abbiamo abbandonato il museo, che in realtà meritava un altro sguardo anche senza la guida… Però ci siamo gustati un po’ la città, da piazza San Carlo fino a piazza Vittorio Veneto e ai Murazzi.. con scorcio della Mole

20190922_154455(0)

20190922_15142220190922_151440

20190922_151520

20190922_152217

Passare lungo il Po davanti ai Murazzi mi ha ricordato una serata di tanti anni fa quando li avevo un po’ frequentati anch’io… in pratica sono dei locali ricavati da ex magazzini, ci sono anche dei centri sociali, dove se non ricordo male prima della 1 di notte non c’era anima viva… poi all’improvviso tutto si animava e c’erano fiumi e fiumi di giovani che arrivavano fino a piazza Vittorio Veneto! Che bolgia!!! 😀

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , , | 2 commenti

Scuola… e catechismo

La scuola è ricominciata. La piccola ha iniziato la seconda elementare e sicuramente la partenza è stata molto liscia, una naturale prosecuzione del percorso iniziato l’anno scorso.

Diciamo pure che non è cambiato quasi nulla: stessa aula, stessi compagni, stesse maestre, solo la maestra di matematica che essendo andata in pensione è stata sostituita. Perfino quella di religione sembra più simpatica dell’anno scorso (tranne che con gli alunni di 1° che sono stati sgridati già il primo giorno!).
Per il resto, anche le attività sportive sono le stesse e le ha riprese con voglia.

L’unico vero cambiamento sarà il catechismo.

Cambiamento per me, che mi devo fare forza per contrastare la mia naturale avversione per la Chiesa. Sarà un po’ una battaglia, per me. Intendiamoci: sono credente, ma non chiedetemi altro.

Semplicemente non frequento la Chiesa e il percorso del catechismo lo vivo come una forzatura (per me intendo, più che per mia figlia!). Chiedono la partecipazione dei genitori, e blablabla.
Direte: ma non è mica obbligatorio fare la Prima Comunione. No, certo.
Infatti, forse per me gliela farei anche saltare. Ma in famiglia alla fine abbiamo deciso così. Per quanto mi riguarda, è soprattutto per non escluderla da qualcosa che quasi tutti i compagni faranno. Mi interessa di più il percorso religioso, più che la comunione in sé.

Ricordo che quando ero alle elementari andavo sempre a messa con mio papà e vedevo quelli più grandi che facevano la comunione e mi sembrava un obiettivo da raggiungere, un sentirsi grande, anche.
Ma lei? Forse una volta ha visto il momento della comunione, a qualche battesimo o matrimonio.

La dico proprio tutta? Per me è un po’ un ripiego. Non ci sono altre strutture che offrano un percorso spirituale a dei bambini (strutture in cui io credo, ovviamente).

Per cui va bene così.
Farà il suo percorso, poi da grande deciderà in cosa credere.
Il mio problema è: non voglio andarci io!! Tutti ovviamente dicono che un percorso cristiano dev’essere tale, cioè qualcosa che ti accompagna nell’arco della vita, non solo per arrivare alla Prima comunione. E sono d’accordo. Cioè, sarei d’accordo se sentissi che questo è anche il mio percorso in cui vorrei far crescere mia figlia.
Il problema mio (e solo mio) è che il mio percorso è un altro, e non posso che dire che per me è un ripiego e che mi dispiace dover mandare mia figlia a una cosa che per me è di ripiego.

Quello che spero? Di potermi ricredere, di trovarmi bene. Di trovare la cosa stimolante e magari a misura di bambino (con la messa non so…).
Che sia meglio del percorso bigotto che avevano propinato a noi bambini degli anni ’70, fatto solo di obblighi e di presenza in chiesa, resa ancora più angosciante dalla mia maestra, di Azione cattolica, che immancabilmente ogni lunedì mattina ci chiedeva di cosa aveva parlato il Vangelo della domenica e dovevamo andare a uno a uno in fila alla cattedra a raccontarglielo nell’orecchio!!

:O

Vedremo come va… magari un giorno scriverò un post più positivo di questo sull’argomento… lo spero proprio.
Nel frattempo resto a guardare e anzi mi sto frenando dal frenare il tutto.

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , , | 3 commenti

Metti un giorno a Venezia…

…un giorno di sole, di caldo, d’estate, e metti di respirare quella brezza marina che ti fa già rilassare perché la associ a una vacanza.

Poi ti godi il tramonto dal mare e la vista è impagabile.
Ecco la gita veneziana di settimana scorsa, con visita alla Biennale.
20190912_19334920190912_193623
Una passeggiata a mezzanotte per piazza San Marco, animata solo da una turista giapponese che sembra una figura evanescente…

20190913_00100620190913_004021
La mattina seguente un sole splendente, il ritorno dell’estate dopo qualche giorno di freddo…

Questa presentazione richiede JavaScript.

Questa presentazione richiede JavaScript.

E poi il vero motivo della gita: la visita alla Biennale… sempre un po’ scioccante, a tratti piaciuta, a tratti meno… I temi trattati andavano dal degrado ambientale alle discriminazioni di vario tipo, dai senzatetto ai messaggi ambigui che internet ci propina ogni giorno.

Intanto, entrando c’è questa opera in MARMO che io avevo prontamente classificato come spazzatura vera e stavo già per commentare qualcosa alla guida sull’italianità.. :))

20190913_102423

Segnalo solo alcune delle numerose opere esposte, come questa costruzione realizzata da alcuni bambini utilizzando il cemento derivato da centrali nucleari dismesse della Lituania (non contaminate)…

20190913_103720

…o questi “abiti” realizzati con piastrelle riciclate…

..E dall’ambiente passiamo alla solitudine dei tempi moderni sulla falsariga dell’Urlo di Munch…

20190913_105338
..e a questo “Facebook” insanguinato che ricorda un po’ Guernica
20190913_105724
Anche la fotografia era presente, anzi una delle tecniche che più apprezzo.
Questa è una carrellata di volti catturati nella vita notturna di Calcutta… un altro tema era l’emarginazione sociale

20190913_111609
20190913_11165320190913_111658
Ed ecco una delle artiste che più mi sono piaciute. A prima vista può sembrare scioccante, ma rivela la forza interiore di questa fotografa, di questa ragazza che attraverso la sua arte si sta prendendo una rivincita sugli scherzi del destino. nata con una malformazione agli altri sia superiore che inferiori, a 9 anni decide di farsi amputare le gambe per poter camminare con le protesi, che diventano a loro volta opere d’arte dipinte da lei stessa.
Riuscirà a giostrarsi talmente bene sulle protesi che alcune hanno anche le scarpe con i tacchi. Una forza d’animo simile credo di non averla vista mai…

20190913_114737
20190913_114751
20190913_114827
20190913_143556

Ecco poi qualche altra opera… una moto tagliata, delle sedie inconsuete e apparentemente instabili, una ragazza a grandezza spropositata, in posizione di sicurezza sul sedile di un aereo, realizzata con ..vestiti.

Chiudo la mia carrellata su questa Biennale dai contenuti forti, con un sorriso, non più in bianco e nero, e molto spontaneo

20190913_140131
Alla prossima!

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , | 6 commenti

Toscana… tra i colori del vento

Mi piace tenere questo blog come cassetto dei ricordi. Mi piace chiedermi cosa ho fatto 3,4 anni fa e poter scorrere indietro il blog e poterlo ritrovare. Ritrovare anche le due righe che scrivo in accompagnamento, perché a volte la foto da sola non basta a rievocare lo stato d’animo e l’atmosfera di un certo periodo.

Quindi vorrei ricordarmi un domani che cosa mi è piaciuto, o ci è piaciuto, della piccola vacanza toscana di quest’estate.

Intanto, uno su tutti: I TRAMONTI

Essere in un campeggio a pochi istanti dalla spiaggia, in Toscana, cioè a occidente, ha il vantaggio di regalare uno spettacolo ogni sera:  il tramonto. Eccone qui una piccola serie dei mille che abbiamo fotografato

Questa presentazione richiede JavaScript.

Poi, direi, il borgo di POPULONIA con il PARCO ARCHEOLOGICO ETRUSCO

Per fortuna abbiamo scelto una giornata inizialmente nuvolosa e quindi non afosa per visitare le tombe etrusche, ricche di mille sorprese… compreso il fatto di scoprire che questo sito archeologico esiste ed è vastissimo! Noi ne abbiamo visitato una parte perché sarebbe risultato un po’ impegnativo. Quindi ecco le tombe etrusche, conservate in uno stato molto buono!

Questa presentazione richiede JavaScript.

E il sito più in alto, a Populonia, di età romana, con i resti delle terme.

20190802_14365820190802_144113

Da questo sito si gode di una visuale ottima sul mare e sul borgo.

20190802_15144620190802_144913

Poi: BOLGHERI, una piccola frazione di Castagneto Carducci, dove ha vissuti indovinate chi? Proprio il Carducci. Lo abbiamo visitato però in una mattina di pioggia ma nella stranezza della cosa (acqua a rivoli e quasi torrenti per le strade!) è stato divertente.

Questa presentazione richiede JavaScript.

E poi LA VITA DA CAMPEGGIO. Noi avevamo affittato un bungalow, ma abbiamo comunque vissuto un grande senso di libertà, di colazioni, pranzi e cene all’aperto, in veranda, della spiaggia a pochi metri, del frinire insistente delle cicale.
La piccola si è divertita molto, si sentiva un po’ autonoma, andava e tornava da sola alcune volte, si è sbizzarrita in mare, sempre un po’ mosso per cui divertente, e in piscina. E anche il suo papà, che adorava letteralmente la pineta in cui eravamo.
Insomma, quando si dice una vacanza rigenerante…

(un paio di foto del mare sempre nella stessa giornata piovosa in cui siamo stati a Bòlgheri… sarà che le foto vengono meglio con il tempo brutto…)

20190728_14210220190728_142308

Vi saluto con una bella poesia, a mio avviso, di un’artista di strada “mangiafuoco” che abbiamo avuto il piacere di vedersi esibire una sera. Uno spettacolo oserei dire catartico, in quanto alla fine era prevista anche una partecipazione da parte del pubblico: ognuno poteva scrivere su un foglietto qualcosa di cui si voleva liberare, e poi eravamo invitati a bruciarlo in un braciere, e si poteva lasciare un’offerta in cambio di una poesia che vi riporto qui

20190731_225801

20190731_21574120190731_215241

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , , | 6 commenti

Visita alla mostra sui PreRaffaeliti

Una delle ultime uscite culturali organizzate per lavoro prevedeva la visita alla mostra “PreRaffaeliti” a Palazzo Reale, una vera chicca!!

Ho avuto il piacere di vedere dal vivo uno dei miei quadri preferiti in adolescenza… Quando vivevo quegli anni di pathos, di amore e odio, di sentimenti contrastanti, di amori che finivano e quant’altro…. come non innamorarsi dell’Ofelia di Millait? Ho avuto quasi un brivido quando l’ho vista dal vero!!!

Eccola qui (foto migliori si trovano sul web)20190715_171850

La nostra guida ci spiegava che la modella, Elizabeth Siddal, poetessa e pittrice a sua volta nell’ambito della confraternita dei preRaffaeliti, fosse stata talmente a lungo immersa in una vasca da bagno per poter posare, da aver sviluppato una forma di bronchite che pare abbia contribuito alla sua morte, avvenuta forse anche per una dose eccessiva di laudano, (probabilmente un suicidio).

Mi affascinava tantissimo all’epoca del liceo, e anche ora vista dal vivo…

La confraternita proponeva temi dal fascino decandente, naturalistico, esaltando anche un passato medievale un po’ idealizzato… comunque ho trovato la mostra molto accattivante, sono state realizzate delle scenografie un po’ medievali per esaltarne l’ambientazione…

Questa qui sopra vi sembra una Madonna con Bambino? Niente affatto… è la moglie dell’artista (Brown) che gli porge il figlioletto, forse non molto in salute… e quella che sembra un’aureola è in realtà uno specchio, dove troviamo riflesso lo stesso Brown (il pittore ha sposato la modella dopo la nascita del bambino).
particolare

Ecco qui sopra un dipinto che ha fatto scalpore. Quello delle suore (Millait, “la valle del riposo”). Due suore stanno scavando una fossa per una sepoltura, una delle due sta lavorando a braccia nude, cosa mai vista in un quadro, e oltretutto si sta dedicando ad un duro lavoro non proprio conferme ad una religiosa dell’epoca… mentre l’altra guarda direttamente lo spettatore. Siamo nel 1859.

Ritroviamo poi la Siddal nella “Beata Beatrix” del fondatore del movimento, Dante Gabriel Rossetti di cui era stata la moglie e che le ha dedicato quest’opera 2 anni dopo la morte di lei. Si intuisce l’idea della morte dal colorito pallido di Beatrice (quella di Dante Alighieri), e dal fiore di papavero bianco che un volatile le porge, simbolo nonchè ingrediente del laudano:

20190715_180603

Ecco infine un’opera a mio avviso stupenda, “La Dama di Shalott” di Waterhouse.

20190715_181208

Racconta la storia (tratta da un poema) di questa dama condannata a vivere in una torre e a ricamare le scene di ciò che vede, pena la morte se smetterà di ricamare o se tenterà di uscire.
Vede però passare Lancillotto di cui probabilmente si invaghisce, e decide di rompere questa sua prigionia andando verso un destino certo…
Ampi ricami si trovano sull’imbarcazione con cui decide di fuggire, rompendo la catena che tiene ancora in mano. Lo sguardo afflitto, e la barca che sembra già una tomba, col crocifisso appoggiato sopra, tre candele di cui due già spente e la terza quasi.
Il tema della libertà femminile, che richiede sempre un prezzo molto alto.
particolare2

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , | 2 commenti