Viaggio nella Belle Époque con Toulouse-Lautrec

 

414px-Henri_de_Toulouse-Lautrec_049

La scorsa settimana ho partecipato ad una visita guidata alla mostra “Toulouse-Lautrec. Il mondo fuggevole” qui a Milano a Palazzo Reale.
Ogni volta mi riscopro ignorante.
Ma, se così non fosse, non rimarrei così estasiata da questi momenti formativi (perché per me sono questo, anche), soprattutto quando hai una guida che non solo ti spiega quello che stai vedendo, ma soprattutto ti fa letteralmente immergere in un mondo che è altro, che sembra lontano ma in realtà è lì.
E’ meglio di un film, perché ad una mostra ti senti un po’ protagonista anche tu (parlo per me ovviamente).

Non conoscevo bene questo artista, o meglio, come tutte le cose imparate a scuola, ricordavo cose a spezzoni, nonostante i suoi manifesti siano talmente famosi da conoscerli ormai a memoria!
Intanto di lui mi piace il tratto, veloce, quasi impressionista anche se non en plein air, e addirittura un po’ caricaturale.

Ma la cosa che mi ha davvero impressionato – giusto per giocare con le parole – è l’aver saputo raccontare le storie di questi artisti, ballerine, cantanti, attori, e anche prostitute.
La novità di dipingere un mondo vero e senza fronzoli, quello delle maisons close, nei suoi retroscena, nei gesti quotidiani e di affetto delle ragazze tra di loro durante i momenti liberi dal lavoro di prostitute, dando loro un aspetto molto umano (che di certo i clienti non avrebbero mai colto, e forse nemmeno noi).
Il ridare dignità a queste ragazze attraverso la ritrattistica.
E poi le ballerine! Ognuna con una storia diversa alle spalle, da chi era stata avviata alla prostituzione dalla madre e poi si è riabilitata da sola, a chi era stato in casa di cura psichiatrica e aveva sperimentato l’elettroshock!
E’ un mondo che si incastra con quello (di cui invece ricordo bene) della psicoanalisi e della famosa Salpetrière, l’Ospedale psichiatrico di Charcot e Freud.
Sta di fatto che Toulouse Lautrec ha dato una permanente notorietà a questi personaggi che, benché famosi all’epoca, probabilmente non sarebbero “passati alla storia” per così dire.


Un piccolo grande genio, anche eclettico nei suoi travestimenti documentati dalla fotografia di cui si è ampiamente servito (e siamo ancora nel 1800!). Foto di lui vestito da samurai, da clown, da non so che altro.

henri-de-toulouse-lautrec-2-jpg-portrait_jpeg!Portrait

In sostanza, cosa mi è piaciuto: l’immergermi nella Belle époque, nella pittura davvero “fuggevole” di Henry, le storie travagliate dei personaggi raffigurati, il Giapponesimo che ha influenzato la pittura dell’epoca.

Cosa non mi è piaciuto (eh certo, c’è anche questo!): alcune pose fotografiche sconcertanti, tipo lui che sta usando una spiaggia come toilette, per dirlo in maniera elegante, le sue eccessive “manìe” o feticismo che traspare dall’insistenza su alcuni dettagli (calze nere, schiene). E poi le tristi fotografie dei “cataloghi” di ragazze delle case chiuse, tra cui ho notato (con angoscia) qualche preadolescente. Terrificante (non che questo c’entri con la sua arte, ma mi sono chiesta se era necessario esporre queste foto d’epoca. Il fatto che siano d’epoca le rende un mero documento storico e quindi da esporre, oppure che vi siano delle foto di minorenni del 1800 si sarebbe dovuto “censurare”? O solo a me sembravano preadolescenti??)

Annunci
Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , , | 4 commenti

Yoga e Assisi

Venerdì sono partita di buon’ora per il mio week-end di yoga “in solitaria” verso Ananda Assisi.
Alle 12 ero già in loco e mi sono goduta una bella giornata di sole
P_20171027_115350

Ho girovagato un po’ per Assisi, fermandomi in particolare nella sede/mostra di alcune suore missionarie e in un negozio di artigianato fatto da persone disabili. Ci credete che ero nauseata da tutti i negozi di souvenir di Assisi? e anche da queste gioiellerie (non mi va di scrivere il nome) che propongono gioielli in nome di San Francesco. Cioè l’apoteosi dell’assurdo.
P_20171027_124655

P_20171027_124722

Comunque, contenta dei miei acquisti di artigianato dove ho trovato persone davvero carine, e dalle suore (le foto delle missioni mi hanno colpita moltissimo), sono arrivata al centro yoga in tempo per le pratiche delle 17.30 e da lì ha avuto inizio la mia due-giorni di vacanza yogica.
Sveglia presto (5.30 per la lezione delle 6), cibo vegetariano, pratiche energetiche, silenzio, natura, e anche… la mia stanzetta da sola! Ogni tanto ci vuole.
Il soggiorno mi è servito molto per ritrovare soprattutto un po’ di calma, per riprendermi uno spazio e un tempo che stavo perdendo. E poi ho ristabilito quel contatto e quel minimo di positività che tanto cercavo.
Poi però la piccola mi mancava moooolto e sono stata anche felice di riprendere la via di casa.
Portandomi però quello di cui avevo bisogno, una parola in più, un insegnamento in più, una sicurezza maggiore in me stessa e soprattutto la capacità di ritrovare “il mio centro” come si suol dire, che non è poco.

P_20171028_103422
P_20171028_143537

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , , , | 6 commenti

Yoga? Lu Jong!

LuJong

Nell’ultima lezione di yoga, l’insegnante ha inserito una sequenza che mi è piaciuta moltissimo, ma che… non fa parte dello yoga!
Si tratta di Lu Jong, lo “yoga” tibetano.
Le posizioni/sequenze non sono le stesse dell’hata yoga, benché siano basate anch’esse sulla natura e sugli animali. Sono delle sequenze curative e mirate a ripristinare l’equilibrio di corpo, mente ed emozioni.
Gli esercizi che abbiamo praticato erano relativi ai “5 elementi” e devo dire che li ho trovati molto… sbloccanti. Soprattutto per il respiro!

La mia nuova insegnante l’ha imparato in Nepal e dice che questa disciplina è antica di 8mila anni (contro i “soli” 5mila dello yoga). Queste cose mi affascinano sempre moltissimo!

L’immagine a inizio post l’ho presa da questo sito : http://www.yogaashoka.com/lujong/

(Ecco… non vorrei che in parte abbia proposto queste sequenze tranquille, diciamo così, per controbilanciare il ritmo che aveva mantenuto nelle lezioni precedenti e di cui anche gli altri allievi oltre a me avevano parlato…
Di certo io non intendevo che modificasse le sue lezioni quando le ho detto “Stasera avevo quella sensazione di quando alle elementari ci mettevano tutti infila per andare  a fare il vaccino”… forse non l’ha presa in senso ironico :/ )
😐

 

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato | 2 commenti

Gita all’Osservatorio

P_20171001_175310

Un mesetto fa avevo regalato alla piccola un libro di astronomia per bambini, con un sacco di finestrelle e immagini colorate e in rilievo. Le è piaciuto tantissimo ed è diventato il libro della buonanotte da leggere a letto prima di addormentarsi.

look_inside_space_it
I pianeti e le stelle la affascinano molto, così ho pensato di portarla in un osservatorio astronomico. Il prescelto è stato quello di Ca’ del Monte, nell’Oltrepo Pavese, domenica pomeriggio.
P_20171001_152835
P_20171001_175439

Purtroppo non siamo stati così fortunati da riuscire a fare le osservazioni al telescopio che erano previste: il cielo era una coltre di nubi, e vedere il Sole non era possibile. Anche se con rammarico, ci siamo accontentati delle attività all’interno del planetario: attività per bambini come gare di abilità e puzzle dei pianeti, proiezione di un viaggio interplanetario attraverso il Sistema Solare, proiezioni di immagini del Sole in tempo reale, trasmesse da la sonda della NASA SDO a cui è possibile collegarsi tramite internet:

(Questo è il sole in questo momento)

Abbiamo ascoltato anche una spiegazione appassionata (ma piuttosto tecnica per dei bambini) e l’esperienza è stata positiva. Addirittura al ritorno la piccola ne ha parlato ininterrottamente per oltre mezz’ora col suo papà, che non era riuscito ad esserci. Non riuscivamo più a fermarla dal raccontare!

P_20171001_164459
P_20171001_162042
Ora dovremo ritornarci per riuscire a guardare il Sole col telescopio (mi piacerebbe vedere qualcosa di notte ma la vedo grigia con la piccola andare fin là di sera/notte), poi l’anno prossimo proveremo col planetario di Milano e chissà mai, con l’osservatorio di Torino!

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Sveglia! E’ ora di… yoga!

per-essere-efficace-deve-essere-un-abitudine

Da un paio di settimane sto frequentando un nuovo centro yoga.
Al di là di tutte le considerazioni possibili, mi sono iscritta perché si trova sulla via perpendicolare alla mia. In macchina sono 30-60 secondi.
E poi per un altro motivo: propone una meditazione mattutina dalle 7 alle 8, e guarda caso è proprio quella che pratico già: la tecnica hong-so preceduta dagli esercizi di ricarica di Yogananda! Così riesco a meditare in gruppo prima di andare al lavoro, una volta alla settimana.
Sembra poco, ma serve per ricordarmi per tutta la settimana di portare avanti la meditazione anche per conto mio. E’ un incentivo, e per me una gran cosa, proprio dietro l’angolo!
Non devo nemmeno modificare più di tanto l’orario della sveglia al mattino per partecipare, dato che normalmente mi ritaglio del tempo per qualche esercizio o meditazione [e per giocare un po’ col gatto :D]
Anche l’hata yoga che ho iniziato a praticare lì mi sta dando qualche motivazione in più, se non altro anche solo il fatto di… non essere in grado di star dietro all’insegnante!
Per anni ho praticato in maniera molto soft. Stavolta mi è capitata un’insegnante un po’ più… decisa, diciamo (“Non scherza per niente!” dico a mio marito).
Quindi, a parte qualche momento di crisi durante la lezione… rappresenta un po’ una sfida (e comunuqe posso sempre fermarmi quando per me è troppo e uscire prima dalle posizioni o dalle sequenze).
Per ora siamo solo in 2 al corso del lunedì sera. Perciò proprio non possiamo “sfuggire” o far finta di fare le posizioni.
Ieri sera abbiamo lavorato sui quadricipiti. Giuro che a metà lezione mi ero detta: “Ma chi me l’ha fatto fare di iscrivermi!?”, però poi mi sono ricordata che le ultime lezioni con insegnante più “soft” mi stavano un po’ annoiando.
La nuova insegnante ci chiedeva: “I muscoli non stanno ancora sanguinando (ridendo)?facciamo anche quest’altra sequenza un po’ più tosta.”
Io e l’altra eravamo terrorizzate, ma ce l’abbiamo fatta 🙂
Poi ha aggiunto: avevo preparato anche un’altra posizione, ma magari proveremo la prossima volta… eccola qui:

yoga

…e siamo solo alla terza lezione!
Sono tornata a casa che non riuscivo a fare le scale e mio marito rideva.
Ma sapete una cosa? Come mi sento bene stamattina!!! Niente mal di schiena, niente stanchezza!
Mi sembra una FAVOLA!!

🙂

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , , , | 5 commenti

Fine estate al fiume

È sempre con un grande senso di gioia che ritrovo ogni volta il piacere di una passeggiata al fiume.

Anche mia mamma è sempre ben disposta alla prospettiva di un giretto lì.

Ieri il tempo era meraviglioso, così abbiamo fatto la nostra classica camminata tra il fruscìo degli alberi e il sole che non batteva ormai più forte.

Un gruppo di persone era ancora in costume da bagno con lettini e ombrellone, e tra loro una mia conoscente: “Noi veniamo qui di solito fino ai primi di ottobre… o ti piace o non ti piace… a noi piace molto, e anche quando fa un po’ più freddo veniamo qui è beviamo un tè insieme”. Mi è sembrata una bellissima cosa e mi son chiesta perché non farlo anche io con le amiche! Fino a 10 anni fa in effetti anch’io ero lì 2-3 volte alla settimana a fare il bagno, in estate.

A mia mamma ha fatto proprio bene una camminata nella natura che ormai volge all’autunno…

..e anche a me che fino a un’ora e mezza prima ero in centro a Milano… e una mia collega mi aveva chiesto se vicino al paese di mia mamma non ci fosse qualche centro commerciale per fare un giro, dato che le dicevo che volevo farla uscire un po’ di casa.. così le ho mandato un selfie col fiume alle spalle scrivendole che anche senza centri commerciali in zona, è andata più che bene ad avere il Ticino!

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , | 2 commenti

Non c’è Fiocco senza Neve

P_20170829_182132
Poco dopo il suo arrivo a casa, abbiamo portato il piccolo Fiocco dal veterinario.
E lì si è scoperto l’arcano: è femmina!
All’inizio siamo rimasti un po’ scioccati (chissà perché!), sia noi che la signora che ci ha regalato il gattino (la gattina!)… ha detto che aveva passato 2 mesi a dire: “Eh, si vede che è un maschio, guarda che salti alti che fa… il maschio, l’unico maschio di 4 gattini… è più giocherellone della altre… si vede che è un maschio!”, era quasi sconvolta!

Insomma, per noi il punto era: e il nome?
La piccola alla fine ha optato per… Neve! Non importa che non sia tutta bianca, che Neve fosse!!
Oggi  la seconda visita dal veterinario… ma quanto è già cresciuta!!!

P_20170902_091753

P_20170909_150149
P_20170903_220658
E’ davvero giocherellona al massimo. Di mattina presto e di sera dopo cena, sono i momenti “clou”, corre per tutta la casa, usa la spalliera del divano come farebbe uno skater con la rampa, cioè corre in orizzontale su parete verticale…
Ogni mattina prepara per bene i suoi agguati. Chi scende le scale è bene che guardi dove mette i piedi, perché lei sbuca da sotto la scala direttamente sul gradino (è una scala aperta) afferrandoti le caviglie.
Il bagno poi è un parco giochi  per lei: sta rintanata nel bidet per poi saltare sulla finestra e poi nel lavandino…
Le tende della sala le ho dovute arrotolare in alto per non fargliele distruggere, ma anche le zanzariere sono a rischio.
L’ultima che si è inventata è di sgattaiolare sotto alla tovaglia mentre stiamo mangiando e di formare un fagottino semovente tra la tovaglia e il tavolo (col rischio di far cadere tutto) :°°DD
Insomma, è fantastica!
Tranne stanotte… è entrata di straforo in camera e alle 2 di notte mi ha fatto un agguato… in faccia! Non ho dormito più! :))

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , | 4 commenti

settembre

buongiorno-buon-inizio-settembre-2
Di solito settembre è il mese in cui tutto ricomincia.
Per alcuni un nuovo ciclo di studi, per altri nuovi progetti lavorativi, le vacanze ormai concluse…
Per me inizia doppiamente perché questo mese segna anche la mia… nuova età.
E quest’anno ne sto sentendo il peso, dei… 44!

P_20170902_085544
Perciò sono già partita con una serie di buoni propositi che comprendono un’alimentazione migliore, esercizio fisico e yoga, meditazione, viaggi spirituali, week-end energizzanti nella natura, letture appassionanti, alzarsi presto al mattino e sfruttare anche le ore serali.
Cioè neanche a Capodanno faccio così tanti propositi.
Tanto più che mi ero fatta il proposito di non fare nuovi propositi per il 2018 (certe volte mi sento come Paperino)!
Il punto è che volenti o nolenti, abbiamo tutti dei desideri.
Qui ne ho scritti solo alcuni, ma poi c’è tutto quello che riguarda la famiglia, il lavoro, il futuro. E’ impossibile non sognare qualcosa di migliore, e per farlo non si può far altro che partire da se stessi.
Domani ci sarà l’open day di un nuovo centro yoga e credo che parteciperò, si sa mai di trovare un modo per “incastrare” un corso yoga nella mia settimana…
Inoltre, mio marito e la piccola per il mio compleanno mi hanno regalato un week-end di yoga, che spero proprio di utilizzare presto… Vorrei ripartire proprio da lì.
Ho iniziato poi un libro di Steiner (un insieme di sue conferenze) che mi sta abbastanza piacendo:

41JTuhAqsML__SX355_BO1,204,203,200_
La piccola ha iniziato il terzo anno di scuola materna, stranamente con calma e tranquillità.
Per la prima volta non ci sono pianti o scenate al mattino (almeno… questa settimana!).
E’ felice di stare con le sue amiche.
La scuola quest’anno propone ai bambini dell’ultimo anno un test cognitivo per valutare le competenze di base raggiunte in vista della scuola elementare dell’anno prossimo. Sottoporranno i bambini al test a ottobre e valuteranno eventuali aree critiche su cui lavorare tutto l’anno e poi a maggio ripeteranno il test per verificare l’efficacia del lavoro fatto.
Mi sono informata su questo test (una mia amica l’ha anche comprato) e ho scoperto che è stato redatto dalla mia correlatrice della tesi. Una persona che ho conosciuto e stimato.
Detto questo, ho negato l’autorizzazione al test.
So già che non sopporterò tanto la scuola elementare (e spero vivamente di sbagliarmi!!!), ma non ho intenzione di partire anche alla materna con le prove.
La maestra è rimasta un po’ lì, senza parole. Non so, forse sarò l’unica?
Io non discuto dell’utilità o meno del test (serve anche per prevenire eventuali disturbi di apprendimento), ma “di pancia” non lo sento appropriato per la piccola.
Penso anche che essendo in così rapida evoluzione, cambieranno moltissime cose dai 5 ai 6 anni, e non mi va che la sottopongano a un test che mi sembra lungo (anche se magari sarebbe fatto come gioco, non so… presumo!) per poi martellarla su qualcosa che magari di suo non ha ancora sviluppato.
Lo scorso anno mi è sembrato un po’ stressante per lei, vorrei che almeno il terzo fosse  sereno e giocoso.
E poi ci aspetta la prova del corso di danza, anzi “giocodanza” 🙂

Il mese di settembre è sempre un periodo di passaggio per me, l’aria frizzante che inizia lentamente a farsi sentire mi riporta da un lato ad essere più interiorizzata in qualche modo, che non durante il caldo afoso di agosto.
Mi sorge la voglia di fare qualche gita in collina a guardare la natura ingiallire, al mare che tra poco sarà deserto e più vivibile…
Però una cosa per volta.
Un respiro per volta.

 

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , | 6 commenti

Estratto manìa

 

Una sera mio marito torna a casa con il famigerato estrattore di succo.
Da settimane me ne parlava, e alla fine si è deciso a comprarlo.
Io non sapevo bene cosa fosse e lo paragonavo alla centrifuga, invece l’estrattore è ben diverso: estrae a freddo dividendo la fibra dal succo.
E che succo!! Perfino la piccola, che comunque per ora non molla i suoi succhini del brick, ha detto che i succhi “del papà” sono mille volte più buoni.
Ora ci stiamo informando meglio, anche grazie a questo libro:

succhi-freschi-di-frutta-e-verdura-libro_51154-2[1]
Sono solo all’inizio della lettura, ma posso dire che mi sta convincendo!
L’autore sostiene che estraendo i succhi di frutta e verdura, non vengono alterate le sostanze nutritive che li compongono, e bevendo l’estratto (rispetto a mangiare il frutto intero), si ha a disposizione direttamente l’energia che serve al corpo senza dispendio della stessa per la digestione delle fibre.
Sottolinea però che le fibre sono indispensabili per l’intestino e quindi consiglia comunque di mangiare anche i frutti interi, soprattutto verdure crude e insalate, ma questo apporto nutritivo dato dagli estratti sarebbe una sorta di “salvavita”.
Beh, insomma, approfondirò l’argomento!
Ma ora siamo nella fase novità, per cui, anche se poi bisogna subito lavare per bene tutte le parti ogni volta, solo domenica abbiamo fatto tutti questi succhi:

  • sedano, carota, mela, zenzero (per me a colazione)
  • arancia, mela, pesca (2 volte)
  • fragole, lamponi, more, mela
  • mela e limone
  • anguria, pesca, limone
  • carota, uva, mela, zenzero

Ci è scoppiata la mania!!!
(e al lunedì avevamo già finito la frutta/verdura comprata sabato!)

 

 

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , | 2 commenti

Memo d’estate

Di questa estate mi voglio ricordare…. il tempo ritrovato, la calma, il sentirsi riposata, il leggere un libro, lo stare insieme noi tre, le risate della piccola sulle giostre, i tuffi coi braccioli nel mare in Romagna, il suo cadere in piscina mentre giocava “a Paperissima”, le serate in spiaggia, l’entusiasmo nel lanciarsi sulla carrucola in montagna, il gattino in affido di mia sorella e infine… il gattino della piccola che è arrivato l’altroieri!!

Lo stare con le amiche, le (pochissime) uscite serali, la cuginetta neo-arrivata, la nuova badante di mia mamma, il poter gestire le cose con un po’ di calma anche grazie a mio nipote ormai “grande”, la notte bianca in paese con fuochi artificiali, la processione con fiaccolata sul fiume Ticino a Ferragosto.
Le gite che abbiamo fatto a Leolandia, al parco della Preistoria, a Cowboyland e come sempre al fiume Ticino (di giorno).

Purtroppo non sono mancati momenti tristi come la perdita di un caro zio. E ancora una volta ho fotografato la città (in occasione ahimè del funerale) di mio papà, rintracciando la sua casa natale.

La montagna, Folgaria-Lavarone-Luserna

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Qualcosa del mare, Pinarella di Cervia

Questo slideshow richiede JavaScript.

Processione di Ferragosto

Questo slideshow richiede JavaScript.

…e dulcis in fundo… il nostro gattino Fiocco!

P_20170822_215639

Pubblicato in Pensieri | Contrassegnato , | 3 commenti